Ah, comunque, DEVO RISCRIVERE IL TERZO CAPITOLOOOOOO

Sì, miei cari lettori, avete letto benissimo!
Devo riscrivere il terzo capitolo!
Come ogni lunedì del mese di settembre, infatti, sono ritornata dall’incontro con la mia carissima (leggetela con ironia, molta, molta ironia) relatrice.

Sono talmente scocciata, arrabbiata, innervosita, delusa, incavolata, nervosa che ho appena finito di bere due filtri di camomilla per poter dormire sonni tranquilli stanotte.
è un incubo senza fine, la mia tesi. Non vi sto a raccontare nei dettagli, ma in poche parole devo riscrivere il capitolo perché
1. non è in ordine cronologico, cioè “le ha dato un ordine tutto suo”
2. non ha un filo logico (la cosa che mi ha fatto rimanere di più a bocca aperta..bo. non commento)
3. non ho analizzato le opere secondo le teorie già analizzate

risultato: riscrivere tutto.
Nel frattempo però, mentre mi sottolineava molto carinamente come avessi scritto questo capitolo da cani, mi diceva: “cioè, sicuramente si laureerà nella prossima sessione, senza dubbio.” e “sì, l’analisi è fatta bene e fa sempre un lavoro certosino, devo ammetterlo”

Bah. secondo me soffre di disturbo bipolare.
Credetemi, non sono innervosita perché ha fatto correzioni che non condivido, ma perché sono talmente stufa che il solo pensiero che domani devo rimettermi sotto a scrivere mi fa venire la nausea. Baaasta, voglio passi ottobre! (perché ovviamente, la mia università è rimasta una delle poche che ha la tesi triennale che si discute, quindi io dovrò discutere davanti a lei, con la correlatrice che LEI avrà scelto, noi tre…..e la mia ansia) Ma prima di pensare a questo, pensiamo a ricominciare a scrivere. Ah, e poi non solo questo, ma ha anche corretto un intero paragrafo del secondo perché non aveva senso, per lei.

P1110658

Mi abbraccia!!! *-*

Bah..cerco di calmare i nervi accarezzando il pelo super liscissimo della mia Stella, la mia gattina, che fa anche le fusa e ascoltando musica a palla. Spero funzioni.

Stay free

Kaylali

Annunci

Piccolo spazio..sfogo!

Stasera sono un fascio di nervi!
Ah sì, scusate..ciao a tutti!!

Quando ero piccola e litigavo con i miei genitori (mio padre per di più) correvo in camera, mi mettevo sotto le coperte e aspettavo che mamma arrivasse per parlare con me. Quando mi sono trasferita al piano di sopra, nella mia nuova camera, la cosa si è fatta più interessante. Correre al piano di sopra, sbattere le porte e andare a dormire significava isolarsi completamente.
Questo succedeva fino alla fine del liceo. Quando sono andata all’Università, per fortuna, ho vissuto molto fuori, sono tornata in media una volta al mese e ovviamente in 3-4 giorni non c’era tempo di litigare, per questo per tre anni non si sono verificate corse sfrenate sulle scale e nessuna porta sbattuta con violenza. Almeno fino a stasera.

Che neeeeeeervi!
Non sto a spiegarvi il motivo della litigata (ai limiti del decente), ma il risultato è stato la corsa e la porta sbattuta, proprio come tre anni fa.
Ok, sono ancora una bambina a comportarmi così.
Ma non sto scrivendo per avere un giudizio, ma solo per sfogarmi..altrimenti vado di sotto e urlo a più non posso. Anzi..comincio a sgaggià, detto alla marchigiana.

Perchè avete notato che, se nella vita di tutti i giorni, proviamo e ci sforziamo a parlare italiano..quando siamo arrabbiati iniziamo (o almeno inizio io) a parlare in dialetto come, anzi peggio dei nostri nonni?
Mi ricordo le litigate al telefono che due mie coinquiline facevano con le mamme. Una di Vicenza e l’altra della provincia di Ragusa. Immaginatevi quanto potessi capire quando parlavano al telefono (e penso lo stesso abbiano pensato loro quando io litigavo al telefono).
Bello il dialetto. Ottima valvola di sfogo, quando serve. Proprio come il mio blog.
Ecco, non sono più arrabbiata.
Meglio così!

Adesso vado, c’è il bravissimo, bellissimo, affascinante, palestrato, fisicamente perfetto, con gli occhi stupendi beh, vabbè, avete capito..Raoul Bova, insomma. Su Canale 5, e per la maggior parte della puntata in piscina, ergo in costume da bagno.
Vado, anzi corro.

Stay free

Kaylali